VIET VO DAO

Il termine “Viet Vo Dao” (越武道- la Via dell'Arte Marziale Vietnamita), così come “Karate” o “Kung Fu”, è una sorta di nome-contenitore che definisce "l'insieme delle arti marziali e dei metodi di cultura del corpo di origine vietnamita, praticati con un fine educativo, tanto fisico che morale", all’interno del quale sono compresi numerosissimi stili di arti marziali (oltre 60 nel solo Vietnam meridionale!), anche molto diversi tra loro.

In Vietnam le arti marziali autoctone sono conosciute nella loro globalità soprattutto con il nome “Vo Co Truyen Viet Nam” (arti marziali antiche e tradizionali del Vietnam), “Vo Thuat” (tecniche di combattimento), o ancora “Vo Dan Toc” (l’arte marziale nazionale), nomi evidentemente poco riproponibili in occidente. Dunque come si affermò questo nome in Europa?

L'appellativo “Viet Vo Dao” comparve nel 1973 con il primo tentativo di unificazione amministrativa e giuridica delle arti marziali vietnamite in Francia. Fu il Gran Maestro Le Sang, Patriarca della Scuola Vovinam, ad autorizzare il Maestro Phan Hoang ad utilizzare il nome "Viet Vo Dao" per identificare il movimento di arti marziali vietnamite che si stava strutturando in Occidente. Il 3 novembre 1973 venne fondata la Federazione Francese di Viet Vo Dao, poi evoluta nell'INTERNATIONAL VIET VO DAO ad opera dei maestri Nguyen Dan Phu (Decano del Consiglio dei Maestri) , Bui Van Thinh, Nguyen Trung Hoa, Hoang Nam, Tasteyre Tran Phuoc, Phan Hoang (Presidente), Pham Xuan Tong (Direttore Tecnico Internazionale, poi Fondatore del metodo Qwan Ki Do), Tran Minh Long. L'articolo 1, titolo 1°, dello Statuto francese del 1973 precisava la definizione di "Viet Vo Dao" come sopra riportato. In Italia i primi maestri che si unirono alla federazione del M.° Phan Hoang furono: Nguyen Van Viet (Roma), Bao Lan (Padova), Nguyen Thien Chinh (Torino), Tran Ngoc Dinh (Milano, poi fondatore della Scuola Viet Anh Mon), Ngo Quoc Viet (Milano).


La FEDERAZIONE VIET VO DAO ITALIA (FVVDI) fu creata con atto notarile nel 1980 a Roma ed è tuttora l'unica associazione sportiva in Italia a poter utilizzare legalmente il nome Viet Vo Dao ed il distintivo della Federazione Internazionale (il Ministero dell’Industria del Commercio e dell’Artigianato, in data 2 ottobre 1989, ha concesso alla Federazione Viet Vo Dao Italia, come marchio di primo deposito il brevetto n° 513966 per la protezione dell’originalità del “distintivo” ed il brevetto n° 513967 per la protezione dell’originalità del nome “VIET VO DAO”). Il direttore tecnico della FVVDI è il M.° NGUYEN VAN VIET (7° dang), coadiuvato dal M.° BAO LAN (7° dang), responsabile per il Veneto e la Lombardia, e dal M.° NGUYEN THIEN CHINH (7° dang) responsabile per il Piemonte.

 

(fonte wikipedia)

I dieci principi

 
  1. Raggiungere il più alto livello dell'Arte per servire l'Umanità

  2. Essere fedele all'ideale del Viet Vo Dao ed essere devoto alla Sua causa

  3. Essere sempre uniti: rispettare i Maestri, gli anziani ed amare i condiscepoli

  4. Rispettare rigorosamente la disciplina, porre l'onore al di sopra di tutto

  5. Rispettare le altre Arti e non utilizzare il Viet Vo Dao che per legittima difesa

  6. Coltivare la Conoscenza, forgiare lo Spirito, progredire nella Via

  7. Vivere con probità , semplicità , fedeltà e nobiltà d'animo

  8. Sviluppare una volontà d'acciaio, vincere le difficoltà

  9. Essere lucido, perseverante, attivo

  10. Essere maestro di se stesso, modesto, rispettoso, tollerante e progredire giudicando se stesso

Terminologia

 numeri

 1-mot, 2- hai, 3-ba, 4-bon, 5-nam, 6-sau, 7-bay, 8-tam, 9-chin, 10-muoi

Saluto, comandi impartiti dal Maestro

nghiem         (prepararsi)

nghiem le     (pronti al saluto)

le            (salutare)

Comandi durante l'allenamento:

ngoi (sedersi) xuong (risposta degli allievi)

dung (alzarsi) day (risposta degli allievi battendo una mano per terra)

chuan bi (prepararsi)

dang sau ... quay (prepararsi a girarsi all'indietro ... girare)

thoi (fermarsi)

phai (destra)

trai (sinistra)

Posizioni base

Lâp Tân (posizione iniziale)

Trung Binh Tân (posizione)

Hac Tân (posizione della gru)

Dinh Tân (posizione della lettera "Dinh")

Quy Tân (posizione con ginocchio a terra)

Xà Tân (posizione del serpente)

Duong cung tan (posizione dell’arcere)